Antonella Ricci

Al fornello da Ricci

Ceglie Messapica | Brindisi

Forte della sua posizione, al confine fra il margine Sudorientale delle Murge, a quello meridionale della Valle d’Itria e al bordo settentrionale del Salento, Ceglie Messapica ha assorbito con naturalezza la cultura di tutti questi territori, e non stupisce affatto che sia nel tempo diventata un importante centro gastronomico, forse il più rilevante di tutta la Puglia. Antonella Ricci, insieme al marito Vinod Sookar di origine mauriziana è alla guida della tavola storicamente più prestigiosa di Ceglie, il ristorante di famiglia Al Fornello.
La storia del ristorante inizia 50 anni fa con Angelo e Dora Ricci e affonda le sue radici nella tradizione tutta pugliese della carne al fornello, particolarmente significativa a Ceglie. Vinod è l’anima esotica di un posto che trasuda tradizione, è il ponte tra la Puglia più pura e l’esotico Oriente. E’curioso vederlo mentre prepara le orecchiette e i salumi. Da lui ti aspetteresti un curry, delle samosas, dei chapati, invece è proprio lui ad occuparsi della preparazione della pasta fatta in casa ed è anche diventato un norcino con i fiocchi. Antonella è entrata in cucina la prima volta a otto anni. Minuta, nervosa, bruna e con gli occhi verdi che tradiscono la sua determinazione e la sua fantasia ai fornelli si trasforma. Sembra il comandante di una nave. Precisa, rapida, autorevole come ha imparato ad essere in Francia, alla scuola di Paul Bocuse. Soltanto mamma Dora riesce a tenerle testa. Sono molto simili: volitive, fantasiose, cuoche per amore. Bisticciano su come si cucinano le melanzane o gli asparagi. Ma vince Antonella. O forse è la mamma a lasciar correre.

Citedda o Panzanella croccante al profumo di caffè

Ingrediente: Nespresso Grand Cru Lungo Origin Guatemala